Security Wireless

Furto di banda Wi-fi. Prima condanna in Gran Bretagna

News / News
Inviato da d.damato 29 Lug 2005 - 13:26

Dodici mesi (con la condizionale) e 500 sterline di multa per utilizzo abusivo di una rete wireless altrui.
Non rubare il Wi-Fi d’altri.

Dodici mesi (con la condizionale) e 500 sterline di multa per utilizzo abusivo di una rete wireless altrui.
Non rubare il Wi-Fi d’altri.
A pochi giorni dalla prima condanna per utilizzo abusivo di una rete wireless, la Gran Bretagna si interroga sulle ripercussioni sociali e tecnologiche che la vicenda potrà avere. Il londinese Gregory Straszkiewicz è infatti diventato suo malgrado famoso come primo condannato nella storia delle connessioni a banda larga e senza filo d’Oltremanica. E non si tratta di una una sentenza da poco: 12 mesi – ma uscirà con la condizionale – più 500 sterline di multa. E tutto per essersi fatto un giro su Internet utilizzando una rete Wi-Fi altrui.
E’ il primo caso del genere ma, se si calcola che nel Regno Unito gli utenti Wi-Fi (la tecnologia via radio che permette di collegarsi velocemente a Internet senza filo) sono un milione, difficilmente sarà anche l’ultimo. “Ci sono numerose implicazioni in questa sentenza - commentano su BBC i dirigenti della società di sicurezza NetSecurity - e potrebbe aprire le porte a molti altri casi”. Un precedente importante, dunque.
Ma veniamo ai dettagli della vicenda: Straszkiewicz è stato condannato per aver utilizzato la connessione wireless a banda larga di un suo concittadino, utilizzando un laptop mentre stava seduto all’interna della propria automobile. E poiché era stato notato più volte nella zona era scattata la denuncia alla polizia da parte di qualche vicino particolarmente sospettoso. Il fatto è - sostengono alcuni - che il crimine commesso consiste semplicemente nell’aver utilizzato un network per navigare. Niente di eclatante, insomma. Peccato però che l’accesso non autorizzato al computer altrui sia un reato coperto dal Computer Misuse Act (anche se di fatto Straszkiewcz è stato condannato per aver ottenuto disonestamente dei servizi di comunicazione elettronica, in virtù cioè di un’altra legge, il Communications Act). Al di là dei vari percorsi legali, l’esito sembra essere uno solo: il Wi-Fi a scrocco comincia a diventare un passatempo pericoloso.

Fonte:www.corriere.it

Questo articolo è stato inviato da Security Wireless
  http://www.securitywireless.info/

La URL di questo articolo è:
  http://www.securitywireless.info/modules.php?op=modload&name=News&file=article&sid=24