Security Wireless

Prime 'apparizioni' del Mobile WiMax

News / News
Inviato da d.damato 24 Gen 2006 - 08:37

Lo standard non c'è, ma i primi chipset sì

E' stato sviluppato da un'azienda poco nota - Beceem Communications - uno dei primi chipset completi per la gestione di comunicazioni Mobile WiMax in dipositivi palmari. L'evento è significativo perché dalle caratteristiche di questo chipset si possono intuire alcuni principi di fondo che saranno seguiti per il mercato, ancora tutto da sviluppare, del Mobile WiMax.

Il chipset segue le specifiche IEEE 802.16e disponibili al momento, anche se ancora non esiste effettivamente uno standard Mobile WiMax, e quindi mira a offrire una banda di picco di circa 30 Mbps per 10 MHz di banda, con un raggio di copertura di circa un chilometro nelle aree urbane.
Il consumo energetico del nuovo chipset viene giudicato analogo a quello dei chipset radio per cellulari e inferiore a quello dei chipset WiFi, soprattutto perché il sistema si attiva solo nella parte di ricetrasmissione e si 'addormenta' quando lo scambio di dati è terminato. L'adozione della tecnologia OFDM (Orthogonal Frequency Division Multiplexing) permette poi di modulare la banda di una 'cella' WiMax in modo che non si abbiano sprechi di banda non usata perché magari un particolare utente non riesce a raggiungere le velocità di picco.

Dal punto di vista dei gestori di rete radiomobile, Mobile WiMax è una possibilità che si affianca alle altre tecnologie 3,5G su cui si è già investito, come EVDO o HSDPA. Gli analisti spiegano però che Mobile WiMax va considerata più una tecnologia da Quarta Generazione, che sarà implementata in modo rilevante solo intorno al 2010. Ad aprire il mercato saranno quegli operatori, magari carrier cellulari, che 'romperanno' con le classiche tecnologie radiomobili per adottare quelle di casa IEEE. L'idea degli analisti è che ci sarà una sorta di effetto-valanga non appena partirà qualche 'early adopter' con un forte peso sul mercato.

Fonte:www.nwi.it

Questo articolo è stato inviato da Security Wireless
  http://www.securitywireless.info/

La URL di questo articolo è:
  http://www.securitywireless.info/modules.php?op=modload&name=News&file=article&sid=14795