Security Wireless

Aumentano i virus per cellulare

News / News
Inviato da d.damato 21 Dic 2005 - 08:18

Si moltiplicano i virus anti-cellulare. E gli smartphone, i telefonini di ultima generazione, sono in pericolo.

Diciotto mesi fa sulla Rete venne lanciato il primo allarme “virus mobile”. Dal giorno le segnalazioni sono aumentate esponenzialmente creando paura fra gli utenti. Il padre di tutti i codicilli, Cabir, ha oggi ben 102 figli. 102 virus, tutti pericolosi e difficili da riconoscere. Tra le ultime minacce si distinguono il malware Onehop, che rende impossibile servirsi del telefonino e sfrutta le funzionalità bluetooth per propagarsi ai cellulari che si trovano nelle vicinanze e che hanno le stesse caratteristiche, il trojan Skull.S, capace blocca tutte le funzioni del telefonino e sostituisce le icone presenti nel sistema con degli inquietanti teschi e Cardtrap, un virus ibrido in grado di colpire Pc Windows e telefonini. Cardtrap, segnalato dagli esperti di F-Secure si copia sulla memory card e, se le informazioni contenute su questa scheda di memoria vengono lette da un computer, questo viene immediatamente infettato. In quest’ultimo caso il telefonino non corre alcun pericolo. Il rischio è solo ed esclusivamente per gli utenti possessori di un Pc. Ricordiamo che Cabir va a colpire gli Smartphone, una tipologia di cellulari ancora poco diffusa, che girano su piattaforma Series 60 di Symbian. Cabir si diffonde auto-inviandovisi ad altri cellulari attraverso Bluetooth ed avviandosi ad ogni accensione del telefonino. La Kaspersky, la società che lo aveva individuato, ha realizzato l'antivirus per Cabir. Per caricare sul proprio telefonino l'antivirus è possibile collegarsi al sito Wap del produttore e scaricare gratuitamente il file di installazione (in formato .sis). Il programma provvederà a rimuovere Cabir.

Secondo F-secure, uno dei principali produttori di software e dispositivi di sicurezza, non c'è dubbio che i virus per cellulari sono ancora poco numerosi e a uno stadio basilare di sviluppo. Si contano oltre 150 mila oggetti dannosi per Windows e solo un centinaio destinati per lo più agli smartphone con sistema operativo Symbian. Tuttavia il pericolo non è da sottovalutare. I desktop sono ampiamente protetti, anche se i potenziali pericoli sono continuamente in agguato, ma la cultura della "protezione" è a uno stadio più avanzato. I telefonini risentono di una percezione differente e legata alla tradizione d'uso dell'apparecchio telefonico tradizionale. Sovente sono usati senza considerare le minacce: alcuni virus per la piattaforma Serie 60 di Nokia bloccano parzialmente o completamente il cellulare e fanno aumentare la bolletta inviando in modo incontrollato MMS infetti ai contatti della rubrica. In questo modo non solo si propagano, ma creano danni economici e materiali agli utenti. Secondo i dati di F-secure, l'Italia in virtù dell'ampia diffusione di telefonini e uno dei Paesi a più alta circolazione di virus e in molti casi i possessori del dispositivo non si rendono conto di essere portatori "sani" dell'epidemia. La protezione deve avvenire sia dalla parte dell'utente sia da quella del provider, come spiega F-secure. Per questo esistono i software da installare sul cellulare per sistemi operativi Symbian e Windows Mobile (F-Secure Mobile Anti-virus) che si aggiornano tramite GPRS e consentono di bloccare gli oggetti più pericolosi. Ma anche i provider telefonici dovrebbero fare la loro parte, almeno secondo F-secure, installando sistemi di protezione più efficaci che blocchino la diffusione di virus.

Fonte:www.interfree.it

Questo articolo è stato inviato da Security Wireless
  http://www.securitywireless.info/

La URL di questo articolo è:
  http://www.securitywireless.info/modules.php?op=modload&name=News&file=article&sid=14774