Homepage

|| HOME || NEWS || ARTICOLI|| LIBRI || DOWNLOAD || LINK || FORUM ||

Wi4net

Menu principale

Partner

Microsoft Office 2007 enterprise download Windows 7 Ultimate is the most versatile and powerful edition of Windows 7 buy Adobe Creative Suite 4 OEMIt combines remarkable ease-of-use with the entertainment features of Home Premium and the business capabilities of Professional you can encrypt your data with BitLocker and BitLocker-To-Go. And for extra flexibility, buy Adobe Creative Suite 4 Master Collection oemyou can work in any of 35 languages. Get it all buy Adobe Photoshop CS4 Extended OEMwith Windows 7 Ultimate.

Solidarietà

On-line

Ci sono 8 visitatori e
0 utenti on-line

Sei un utente non registrato. Puoi loggarti qui o registrarti liberamente cliccando qui.

Login

 Nickname

 Password

 Ricordami


Non hai ancora un account?
Registrati subito.
Come
utente registrato potrai
cambiare tema grafico
e utilizzare tutti i servizi offerti.

Apple: per upgradare allo standard 802.11n si pagherà
Lunedì, 22 Gennaio 2007 - 04:00 - 2561 Letture
News
Apple chiederà un contributo “nominale” di attivazione di 1,99 dollari a quanti vorranno abilitare la connessione wireless 802.11n sui Mac già comprati nel passato e potenzialmente già capaci di supportare questa specifica wireless, che però non era ancora stata approvata ufficialmente.

La settimana scorsa Apple, in apertura di Macworld Expo, ha presentato nuovi prodotti, come AppleTv e la nuova AirPort Extreme, che supportano ufficialmente 802.11n.

La compatibilità hardware con 802.11n è però inclusa nella maggior parte dei Mac con processore Intel Core 2 Duo e Xeon.

Il software di abilitazione della nuova modalità di connessione è contenuto nella nuova AirPort Extreme Base Station, mentre Apple richiederà il contributo di 1,99 dollari a quanti intendono scaricare il software suddetto dal sito dell’azienda.

802.11n migliora la connessione wireless aumentando la capacità di trasmissione e ricezione dati fino a cinque volte rispetto all’attuale 802.11g e raddoppiando la distanza utile di collegamento.

Secondo Teresa Brewer, direttore delle relazioni pubbliche Apple per lo hardware, il contributo nominale per il software che abilita 802.11n è necessario perché Apple possa adempiere a principi di contabilità accettati ovunque, per i quali si richiede un contributo ogniqualvolta si aggiungano funzioni significative, come nel caso di 802.11n, a prodotti già acquistati.

In effetti, per la legislazione americana, gli incrementi significativi di funzioni su prodotti precedentemente venduti devono essere fatti pagare e, anzi, si vociferava di un contributo di 4,99 dollari invece degli 1,99 dollari che saranno.

Il contributo va applicato anche sui prodotti venduti fuori dagli Usa ma non è chiaro a quanto ammonterà, per esempio, il contributo in euro.

I nuovi Mac che comprendono connettività 802.11n saranno abilitati di serie, senza alcun contributo.

Fonte: http://www.macworld.it
 

Link correlati

Vota l'articolo

Questo articolo non è stato votato

Login/crea un profilo | 0 Commenti
I commenti sono di proprietà dei legittimi autori, che ne sono anche responsabili.

Designed By CMSarea


Tutti i loghi e marchi in questo sito sono di proprietà dei rispettivi proprietari.
I commenti sono di proprietà dei rispettivi autori, ed il resto © 2003-2005 di mia proprietà
Questo sito è stato creato con MaxDev, un sistema di gestione di portali scritto in PHP. MD-Pro è un software libero rilasciato sotto la licenza GNU/GPL Visualizzate le nostre news usando il file backend.php

Licenza Creative Commons
Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons.

I LOGHI DEL SITO SONO STATI GENTILMENTE CREATI DA MEDIALINKS

Powered by MD-Pro