Homepage

|| HOME || NEWS || ARTICOLI|| LIBRI || DOWNLOAD || LINK || FORUM ||

Wi4net

Menu principale

Partner

Microsoft Office 2007 enterprise download Windows 7 Ultimate is the most versatile and powerful edition of Windows 7 buy Adobe Creative Suite 4 OEMIt combines remarkable ease-of-use with the entertainment features of Home Premium and the business capabilities of Professional you can encrypt your data with BitLocker and BitLocker-To-Go. And for extra flexibility, buy Adobe Creative Suite 4 Master Collection oemyou can work in any of 35 languages. Get it all buy Adobe Photoshop CS4 Extended OEMwith Windows 7 Ultimate.

Solidarietà

On-line

Ci sono 17 visitatori e
0 utenti on-line

Sei un utente non registrato. Puoi loggarti qui o registrarti liberamente cliccando qui.

Login

 Nickname

 Password

 Ricordami


Non hai ancora un account?
Registrati subito.
Come
utente registrato potrai
cambiare tema grafico
e utilizzare tutti i servizi offerti.

News: Apple Wireless Vulnerability: Realtà o finzione?
Venerdì, 15 Settembre 2006 - 05:05 - 2559 Letture
News
La vulnerabilità sul wireless di Apple, presentata al BlackHat di Las Vegas quest’anno, è reale o solo fumo?

Questo è uno degli argomenti che nelle ultime settimane ha acceso dibattiti tra ricercatori di sicurezza, blogger, e mezzi di informazione.

Tutta questo movimento si spinge ben al di là della questione riguardante Jon “Jhonny Cache” Ellch e David Maynor, che hanno presentato una vulnerabilità più o meno reale sull’implementazione dell’airport wireless di Apple. Mentre molti fanatici del Mac si vantano del fatto (falso) che i Mac non possano essere attaccati dagli hackers, la storia ed il nostro amico Google dice tutt’ altro. In aggiunta a ciò, anche l’autore di questo articolo ha trovato una semplice vulnerabilità nelle funzionalità di weblog di Mac OSX 10.4.x.

Molti stanno sottolineando alcune particolarità della presentazione, e ne stanno discutendo sulla mailing list DailyDave in un thread intitolato “This guy cracks me up”. Per correttezza , Johnny Cache ha risposto a queste domande, facendo intravedere la possibilità di un reale problema nei “beacon timing” dei driver, cosa che potrebbe essere o no un problema di Apple. Abbiamo notato come nonostante si affermasse che le schede wireless non avessero bisogno di essere associate ad un network, nel video dimostrativo si notava chiaramente che la macchina dell’ attaccante era stata configurata come un AP, e ciò si poteva notare attraverso l’impostazione degli indirizzi IP di entrambi i box (192.168.1.1 per l’attaccante, e 192.168.2.50 per il MacBook)...

fonte: zone-h.it
 

Link correlati

Vota l'articolo

Questo articolo non è stato votato

Login/crea un profilo | 0 Commenti
I commenti sono di proprietà dei legittimi autori, che ne sono anche responsabili.

Designed By CMSarea


Tutti i loghi e marchi in questo sito sono di proprietà dei rispettivi proprietari.
I commenti sono di proprietà dei rispettivi autori, ed il resto © 2003-2005 di mia proprietà
Questo sito è stato creato con MaxDev, un sistema di gestione di portali scritto in PHP. MD-Pro è un software libero rilasciato sotto la licenza GNU/GPL Visualizzate le nostre news usando il file backend.php

Licenza Creative Commons
Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons.

I LOGHI DEL SITO SONO STATI GENTILMENTE CREATI DA MEDIALINKS

Powered by MD-Pro